Appunti di storia della topografia

Immagine Groma

 

La groma

La groma è lo strumento principale usato dagli agrimensori romani per tracciare sul terreno allineamenti semplici ed ortogonali, necessari alla costruzione di strade, città, templi e centuriazione di terreni agricoli.

Secondo i linguisti il termine groma deriva dal corrispettivo termine greco gnoma ma vi è chi lo fa derivare da a-grumus ovvero il “campo privo di cumuli”, cioè il piano ove si operava appunto con la groma. La groma veniva posizionata col ferramento infisso al suolo in posizione esattamente verticale, servendosi dei fili a piombo, con i quali se ne controllava il parallelismo. Mediante un quinto filo a piombo si faceva in modo che il centro della stelletta fosse corrispondente al punto di stazione. La punta poteva essere conficcata nel terreno oppure ad lapidem, in un cippo lapideo che gli agrimensori portavano con sé. Così la groma era pronta per l’uso. Poiché i fili a piombo cadenti dalla cornicula costituiscono due copie di traguardi, l’uso della groma consisteva nel mirare i vari punti del terreno proprio attraverso questi traguardi.

Heliopolis

L’obelisco

L’obelisco è un monumento celebrativo formato da un tronco di piramide alto e stretto, che culmina con una punta piramidale chiamata pyramidion. Gli obelischi antichi venivano ricavati da un unico blocco di pietra (un monolito). Gli obelischi sono monumenti in gran parte di origine egizia. L’obelisco simboleggiava il Dio del sole Ra, e durante la breve riforma religiosa di Akhenaton si diceva fosse un raggio di sole pietrificato dell’aten, il disco solare. Si pensava inoltre che il dio esistesse all’interno della sua struttura. A Costantinopoli, nel 390, l’imperatore Teodosio I fece trasportare un obelisco, originariamente eretto da Thutmose III, per porlo nell’ippodromo di Costantino, su una base appositamente costruita, dove resistette a crociati e turchi selgiuchidi e dove si trova ancora oggi nella piazza dell’Ippodromo della moderna Istanbul.

Meridiana solare

Meridiana

La meridiana, detta anche più correttamente orologio solare o sciotere, è uno strumento di misurazione del tempo basato sul rilevamento della posizione del Sole. Ha origini molto antiche e nella sua accezione più generale indica in massima parte gli orologi solari presenti sui muri degli edifici. In senso stretto, con meridiana si dovrebbe intendere unicamente l’indicatore del passaggio del Sole a mezzogiorno.

Un orologio solare portatile ad elevazione Un orologio solare portatile ad elevazione

Gli orologi solari e le meridiane erano già conosciuti nell’antico Egitto e presso altre civiltà, e successivamente tra quella dei Greci e dei Romani.L’origine di questa scienza è tuttavia ancor più antica rispetto alla civiltà egizia e le prime testimonianze risalgono addirittura al Neolitico.

Finta meridiana dipinta sul muro“Finta meridiana” dipinta sul muro di una villa sulla via Aurelia presso San Bartolomeo al Mare, Imperia

meridiana orizzontale Meridiana orizzontale

 

 

 

Categoria: Didattica. Pubblicato il 21 maggio 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*