PIEDIbus

Il piedibus, è un’iniziativa creata appositamente per i bambini delle scuole elementari. Questo servizio gratuito, fa si che i le nuove generazioni si riapproprino del piacere di camminare all’aria aperta, facendo sano movimento ed apprendendo i fondamenti dell’educazione stradale in tutta sicurezza. Il piedibus è stato promosso non solo per questo, ma anche per diminuire la concentrazione del traffico mattutino intorno alle scuole, per fa si che i bambini socializzino e per svegliarsi meglio prima di affrontare le lezioni.

Queste sono sei buone ragioni per andare a scuola con il piedi bus:

1- Movimento e salute: il piedibus offre la possibilità di svolgere una regolare attività fisica. Uno studio, stabilisce che quindici minuti di tragitto a piedi per andare e tornare da scuola, rappresentano già la metà dell’esercizio fisico giornaliero raccomandato per i bambini.

2- Sicurezza: gli scolari sono parte di un gruppo visibile e numeroso, sorvegliato e accompagnato da adulti in tutta sicurezza.

3- Educazione stradale: questo servizio, permette ai bambini di imparare a conoscere ed acquisire “abilità pedonali”. Questo servirà a loro per essere preparati, un domani, ad affrontare il traffico urbano in autonomia.

4- Socializzazione: il tragitto casa-scuola offre la disponibilità di parlare e di stringere nuove amicizie con coetanei e altri bambini.

5- Salute ambientale: ogni tragitto a piedi, aiuta a diminuire la concentrazione di traffico vicino alle scuole e fa si che anche l’inquinamento sia ridotto, migliorando l’ambiente e mantenendo l’aria più pulita e sana.

6 – Respirare meglio: il piedibus da la possibilità di respirare l’aria fresca e mattutina, cioè sana e pulita, ma soprattutto di “svegliarsi” prima di affrontare una nuova giornata scolastica.

 

Il Piedibus. dovrà prestare servizio con continuità, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche. Verrà sospeso solo nel caso in cui l’ attività scolastica non fosse garantita (ad esempio scioperi).

 

 

 

 

Categoria: Ambiente. Pubblicato il 1 aprile 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*